DRILS e CRT

I Centri Risorse Territoriali per le lingue straniere trovano la loro origine nel Progetto Lingue 2000 che, finanziato con i fondi della Legge 440/97, propone la volontà di "innovare l'insegnamento e l'apprendimento delle Lingue Straniere favorendo l'acquisizione di precise competenze comunicative da parte degli allievi di ogni ordine e grado di scuola".

Il CRT di Bergamo si inserisce sulle linee di sviluppo e ricerca già delineate da un'esperienza pluriennale del DRILS (centro di Documentazione Ricerca Insegnamento Lingue Straniere) nato sin dal 1933 su un'iniziativa dell'allora Provveditorato degli Studi e della collaborazione di un Comune e di una Direzione Didattica (Azzano San Paolo).

Oggi il CRT ha la sua sede in via per Azzano in un edificio posto all'ingresso dell'Isis Bortolo Belotti. E' dotato di spazi propri adatti ad ogni attività indirizzata a piccoli gruppi (max 20/25 persone). E' dotato di attrezzature sofisticate e di una buona dotazione libraria e multimediale.

La gestione ed il coordinamento delle attività ruota attorno ad un responsabile e ad un gruppo lavoro che progetta e coordina tutto ciò che permette di:

  • supportare ogni attività di formazione e aggiornamento, sia linguistico che metodologico, per docenti di ogni ordine di scuola
  • proporre e gestire ogni tipo di opportunità di ricerca/azione di natura didattica e metodologica,
  • promuovere la padronanza delle nuove tecnologie indirizzata al sostegno di una didattica di autoapprendimento e di studio personalizzato
  • mettere in relazione tra loro i docenti, i referenti, i formatori e gli esperti,
  • mettere in rete esperienze, competenze, professionalità, non solo nel contesto di un territorio più vasto di quello provinciale
  • adottare tutte le azioni necessarie per mantenere, potenziare i locali, i materiali e le attrezzature
  • monitorare la "qualità" di ogni progetto e attività messa in essere.